Translate

martedì 4 marzo 2014

Sondaggio della settimana, dal 04/03 all' 11/03

Secondo voi Putin è consapevole di quello che sta facendo in Ucraina?

Per rispondere basta cliccare su un'opzione nel riguardo in alto a destra del blog.

Saluti

Paolo Lo Iudice


Complimenti Paolo Sorrentino

Finalmente dopo 15 anni un film italiano torna a vincere un oscar e lo fa con un film molto bello che invita a riflettere.

Il protagonista perso nella vita mondana della capitale cerca di dare un senso alla propria vita. A differenza dei suoi amici e compagni di viaggio infatti è consapevole infatti dell'orrenda vita che sta vivendo e vorrebbe fermare il festival del non gusto e dell'ipocrisia che ambienta i salotti romani. 

Purtroppo niente riesce ad impedirgli di non partecipare e ritrovare quello spirito che gli permise di scrivere da giovane un libro tanto amato dal grande pubblico. 

Alla fine numerosi incontri e peripezie lo porteranno a capire qual'è la grande bellezza. 

Ho visto il film e non c'è niente da dire, complimenti Paolo Sorrentino!!



Lettera Matteo Renzi ai sindaci

Caro collega,
stiamo affrontando il momento più duro della crisi economica. Il più difficile dal punto di vista occupazionale. E un sindaco lo sa. Perché il disoccupato, il cassintegrato, il giovane rassegnato, il cinquantenne scoraggiato non si lamentano davanti a Palazzo Chigi: bussano alla porta del Comune. Voi Sindaci siete stati e siete sulla frontiera e paradossalmente lo avete fatto in un tempo di tagli senza precedenti. Grazie, a nome del Governo.
Ma dalla crisi non usciremo semplicemente con una ricetta economica, anche se fin dalla prossima settimana arriveranno i primi provvedimenti economici del nuovo Governo. No, dalla crisi si esce con una scommessa sul valore più grande che un Paese può incentivare: educazione, educazione, educazione.
Investire sull'educazione necessita naturalmente di un progetto ad ampio raggio, che parta dal recupero della dignità sociale delle insegnanti e degli insegnanti. Ci sarà modo per parlarne nel corso dei prossimi mesi. Ora la vostra e nostra priorità è l'edilizia scolastica. Nessun ragionamento sarà credibile finché la stabilità delle aule in cui i nostri figli passano tante ore della loro giornata non sarà considerata il cuore dell'azione amministrativa e di governo.
Non vi propongo un patto istituzionale, ma più semplicemente un metodo di lavoro. Vogliamo che il 2014 segni l'investimento più significativo mai fatto da un Governo centrale sull'edilizia scolastica. Stiamo lavorando per affrontare le assurde ricadute del patto di stabilità interno. Vi chiedo di scegliere all'interno del vostro Comune un edificio scolastico. Di inviarci entro il 15 marzo una nota molto sintetica sullo stato dell'arte. Non vi chiediamo progetti esecutivi o dettagliati: ci occorre – per il momento – l'indicazione della scuola, il valore dell'intervento, le modalità di finanziamento che avete previsto, la tempistica di realizzazione. Semplice e operativo come sanno essere i Sindaci.
Noi cercheremo nei successivi quindici giorni di individuare le strade per semplificare le procedure di gara, che come sapete sono spesso causa di lunghe attese burocratiche, e per liberare fondi dal computo del patto di stabilità interna.
Ma è fondamentale che nel giro di poche ore arrivino da voi – all'email sindaci@governo.it che abbiamo appositamente aperto – una sintetica nota sull'individuazione di un edificio scolastico – uno – che riteniate la priorità del Vostro comune.
Con il più caro augurio di buon lavoro,
Matteo Renzi

domenica 2 marzo 2014

Il mondo ha bisogno di un' ONU credibile

Nel momento in cui sto scrivendo questo articolo truppe dell'esercito Russo invadono l'Ucraina prendendosi la regione della Crimea, ricca di risorse minerarie. Questo territorio apparteneva precedentemente all' Unione Sovietica e dalla creazione della nuova repubblica Russia di fatto ne è rimasta sotto il suo controllo economico e militare. 

L'episodio di oggi appartiene al vecchio modo di fare politica dove gli interessi strategici di alcuni stati prevalgono su quelli di intere popolazioni. Anche se la Russia ha tutto il diritto di tutelare i suoi interessi economici in un territorio di fatto appartenente alla sua sfera di influenza, non può di certo invadere un territorio che appartiene ad un altro stato. In questo modo ha finito per violare il diritto internazionale e di fatto creare un precedente pericoloso nel già fragile sistema che attualmente cerca di non far precipitare il mondo in un nuovo generale devastante caos.

La domanda infatti che mi viene spontanea è la seguente? L'ONU è ancora in grado di garantire la pace nel mondo e di risolvere le problematiche più complesse come nel caso delle Siria e oggi dell'Ucraina? 
La risposta è evidentemente no, di fatto nessuno crede più nella sua capacità di far fronte ai pericoli che minacciano la stabilità politica nel mondo.

Secondo molti analisti il problema principale risiede nel fatto che il Consiglio di Sicurezza dell'ONU non è più un organo credibile. Come si può pensare ancora oggi, in un mondo composto da 196 stati sovrani, che solamente 5 stati hanno il potere di decidere per tutti. Ancora più sconfortante è il fatto che 2 di questi stati siano delle palesi dittature che cercano di dominare il mondo rispolverando la teoria della potenza ( Cina e Russia). Se non si vuol far trasformare il Consiglio in un organismo democratico almeno che si facciano delle modifiche per renderlo più efficiente. Un articolo potrebbe venir introdotto sul suo funzionamento, ad esempio in caso di conflitto o invasione dove una delle 5 potenze è coinvolta essa deve automaticamente venir esclusa dalla votazione sul come affrontare e risolvere il problema. Una soluzione ancor più radicale può essere l'abolizione completa del diritto di veto. 

Insomma per far la breve, se si vogliono evitare nuove catastrofi come in Siria (è stato ormai appurato che lo scontro ad oggi ha fatto centinaia di migliaia di vittime e costretto milioni di persone alla migrazione forzata) e una nuova possibile guerra civile in Ucraina bisogna modificare la carta delle nazioni unite. Non vi sono altre scelte altrimenti il rischio di una nuova guerra mondiale non potrà mai essere scongiurato del tutto. 

Paolo Lo Iudice



Rimanete sempre aggiornati!!